Il 7 maggio si è svolto presso il Cohousing l’Oasi un incontro con l’assessore Alberto Aitini, con delega, tra le altre, alla sicurezza Urbana Integrata.
Erano presenti, oltre all’Assessore, i rappresentanti di AIAS Bologna Onlus ed alcuni residenti: Loris, il portiere sociale, e diversi condomini, tra gli altri Cinzia, Graziano, Said e Sadia che sono stati molto orgogliosi di ricevere l’Assessore e di poter segnalare direttamente le loro preoccupazioni riguardo all’igiene e alla sicurezza loro personale, delle abitazioni e del contesto urbano intorno al Cohousing.

L’Assessore ha dedicato tempo e grande sensibilità nell’ascolto delle segnalazioni, era conoscenza di molte situazioni per le numerose lamentele degli abitanti della zona, purtroppo degradata. Infatti, un tema importante è quello della collocazione urbanistica dei progetti di Cohousing sociale per le fasce di popolazione fragili, che si realizzano in strutture di proprietà pubblica. Questa tipologia di residenzialità può essere un efficace e progressiva proposta di riqualificazione sul territorio.

In seguito a queste segnalazioni il Comune, già dallo scorso anno, ha intensificato gli interventi di pulizia e sgombero, aumentando anche gli interventi dei servizi sociali per dissuadere i senza fissa dimora a sostare e dormire per strada, offrendo d’altra parte soluzioni alternative di accoglienza. E’ stato un momento piacevole e proficuo, di ascolto, di vera partecipazione attiva e concreta, al termine del quale l’Assessore si è impegnato a:

• Contattare ASP per mettere in sicurezza l’area antistante la porta ed il cortile davanti all’ingresso, chiedendo che sia messo in programmazione un intervento di pareggiamento di buche e dislivelli, che possano essere montate delle inferriate fisse per le finestre del primo e secondo piano che sono più esposte al rischio di intrusioni, migliorando così la sicurezza degli inquilini, che essendo disabili farebbero fatica a mettersi in sicurezza;
• Valutare con i settori comunali preposti come creare una recinzione/protezione per impedire l’accesso e l’uso dello spazio del marciapiede rialzato accanto all’ingresso (retrostante alle buchette della posta) dove solitamente dormono persone e cani e dove sono stati accesi fuochi per scaldarsi lo scorso anno;
• Mantenere costanti (anche intensificandoli) gli interventi periodici di sgombro e pulizia della zona esterna intorno al cancello, aumentando gli interventi di Polizia e dei servizi Sociali, nonché chiedere periodici passaggi delle unità cinofile per accertarsi che non si verifichino depositi o scambi di sostanze, utilizzando gli spazi intorno al condominio.

L’Assessore ha poi manifestato interesse a conoscere e visitare anche il Condominio Partecipato di via Bovi Campeggi, e gli è stato proposto di partecipare ad una delle “favolose grigliate in giardino” che si organizzano prima dell’estate.

 

Per informazioni: Alberto Manzoni
amanzoni@aiasbo.it – 348 2408511