Venerdì 14 Giugno, alle ore 20,30, presso il Teatro Centofiori di via Gorki, il Laboratorio di Espressione Corporea per persone con disabilità, organizzato da Aias Bologna Onlus e diretto da Simona Santonastaso, presenta Emozioni al QUADRatO, uno spettacolo di Danza e Teatro con la Regia e le Coreografie di Simona Santonastaso e la partecipazione dei Danzatori della Compagnia KAIROSdanza, con il coinvolgimento dei Genitori – Attori diretti da Cristina Testoni, nel corso di Teatro realizzato da Aias in collaborazione con il gruppo Altomare.

Partecipare allo spettacolo, frutto del lavoro di ragazzi disabili lungo diversi mesi, sarà un tuffo nell’Arte Pittorica e sarà l’occasione per conoscere e capire le emozioni suscitate osservando alcuni dei quadri più rappresentativi nella storia della pittura mondiale.

La locandina dello spettacolo:                                                                                                                           

Il Progetto
La Pagina Facebook del Progetto

Archivio Spettacoli:
Menti Viaggianti
Il Giardino di David

 

Per informazioni e prenotazioni: Cristina Campagnoli
ccampagnoli@aiasbo.it – 366 7530758

Un po’ di foto dello Spettacolo

Parallela a questa esperienza, nasce in Associazione, da un gruppo di genitori e soci Altomare, un percorso laboratoriale teatrale, specificamente rivolto a genitori e familiari delle persone con disabilità, condotto da Cristina Testoni. Tra le principali finalità la socializzazione, il miglioramento delle capacità espressive e, perché no, dare un contributo complementare allo spettacolo finale.

È un percorso attraverso il quale genitori e famigliari possono approfondire e condividere contenuti e messaggi in uno spazio esclusivamente dedicato a loro, all’incontro, alla circolazione di idee, alla crescita e alla partecipazione. Una occasione in cui ciascuno possa coltivare la propria capacità espressiva, imparare nuovi linguaggi, riscoprire l’importanza del mettersi in gioco condividendo momenti piacevoli. Il percorso vuole anche legittimare la necessità di concedersi un luogo temporale personale da dedicare a sé stessi.

Altri obiettivi non meno importanti migliorare la conoscenza di sé, liberare la propria espressività, confrontarsi e dare spazio alle emozioni personali, per costruire insieme ai propri figli momenti ed eventi per comunicare nuove armonie nuove emozioni e nuovi sentimenti. Contribuiscono alla realizzazione dei percorsi e degli eventi un gruppo di operatori, volontari e tirocinanti universitari particolarmente motivati e specificamente formati.

Questo spettacolo rappresenta dunque un evento di particolare significato e valore di comunità e di inclusione sociale, in quanto coinvolge molte realtà del territorio, tra questi oltre ad Aias, KairosDanza, Altomare, ricordiamo il Condominio VIS (Vita Indipendente e Solidale) che accoglie nei suoi locali il laboratorio, i Quartieri Navile e San Donato che mettono a disposizione rispettivamente la Sala Centofiori e DOM (la Cupola del Pilastro), l’Università degli Studi di Bologna con gli studenti in tirocinio curricolare presso Aias. Contribuiscono alle scenografie i centri socio riabilitativi diurni Aias.